“Allo Sponz Fest abbiamo deciso di non farci prendere dall’ansia dell’orario e dal rispetto rigido di una tempistica  della quale siamo fin troppo spesso schiavi durante il resto dell’anno e che peraltro, siamo certi, non riusciremmo mai a rispettare….
Riteniamo utile fornirvi qualche precisazione sulla fascia oraria rientrante nelle descrizioni del tempo adottate dallo Sponz Fest 2015”

Si devono intendere orari di inizio, circa
PRIMISSIME LUCI DELL’ALBA: dalle 4.30 alle 5.30
MATTINO: dalle 9,30 alle 10,30
TARDA MATTINATA: dalle 11.00 alle 12.00
MEZZOGIORNO: ore 12,00 alle 13,
PRIMO POMERIGGIO: dalle 14.00 alle 15.30
POMERIGGIO: dalle 15.30 alle 16,30
TARDO POMERIGGIO: dalle 17,30 alle 18,30
AL TRAMONTO: dalle 18.30 alle 19,30
A SERA: dalle 20.00 alle 21.00
TARDA SERA: dalle 21.30 alle 22.30
MEZZANOTTE: dalle 00.00 alle 1.00
NELLA NOTTE: dalle 1.00 alle 2,00
TARDA NOTTE: dalle 3,30 alle 4,30


ANTEPRIMA SPONZ FEST

Sabato 22 agosto (ore 19.00) a Sant’Andrea di Conza nell’ambito della Festa del Libro, Vinicio Capossela presenta il “Paese dei Coppoloni” con il Prof. Erberto Petoia.

Durante l’evento verrà presentato il  programma della 3° edizione del Calitri Sponz Fest.

coppoloni905-675x905
VARIAZIONE LOCATION EVENTO
Per ragioni logistiche ed imprevisti non imputabili all’organizzazione dello Sponz fest i seminari previsti al vallone della Madonna si terranno nell’area del Formicoso presso le capannelle arcaiche.


 

1ok.jpg

Lunedì 24 agosto – 62,1% di luna – nei cieli di Calitri e Andretta
SENTIERI DEL GALLO TURCO: L’UCCELLO CHE VOLA VERSO IL MATTINO
Andretta – Querce dell’Occhino 

Al tramonto:
Inaugurazione Sponz Fest con aia danzante, musica e musicanti sotto le grandi querce dell’Occhino.
Racconti da “Il paese dei coppoloni” con interpreti :
Pasquale Iannelli, Rosanna Miele, Michele Morano, Antonio Scarano
Coordinatori: Elvira A. Miele, Michele D’Onghia e Nicola Fierro

A sera:
La carovana si riunisce nella balera sotto la fontana, al richiamo dell’organetto di Giovanni FiordellisiGiuseppe Cesta e gli organettisti di Andretta.
Inizia il cammino con asini, muli e i Mariachi Mezcal verso Andretta, passando per il Codacchio e la Fontana di San Martino.

A tarda sera:
Ingresso al pozzo di Andretta con Banda Musicale della Città di Andretta, Majorettes e Mariachi: musica e racconti. Passeggiate e degustazioni nel centro storico di Andretta.

A mezzanotte:
Apertura della storica sala veglioni di Ciccillo Di Benedetto. Danze fino a tardi con i Belgique, il gruppo dell’epoca.

Nella notte:
Trasferimento a oriente verso la Località Formicoso (sopra la Località Mattinella), fino all’aia allestita con trebbiatrice volante e sedute di balle di paglia.

A notte fonda:
Inaugurazione de “La trebbiatrice volante”, opera immaginifica ricavata da una trebbiatrice dall’artista Dum Dum arredamente, Marco detto “Tenente Dum”.

Alle primissime luci dell’alba:
Concerto della Fanfara Tirana & Robert Bisha, fino al sorgere del giorno.


2ok.jpg

Martedì 25 agosto – 72,0% di luna nei cieli del Formicoso
SENTIERI DEL RACCOLTO: LA PASSIONE DEL GRANO
Andretta e Formicoso

Al mattino:

Località Mattinella (Andretta):

Attività per i più piccoli con Agricola Laboratorio di grano e fantasia – laboratorio di conoscenza e lavorazione della pasta fresca. [Per informazioni sul laboratorio clicca qui]

A mezzogiorno:

Radura del vallone della madonna (sopra la Mattinella)

pranzo ancestrale 

dal primo pomeriggio

RIABITARE L’ IRPINIA: ESPERIENZE RESILIENTI

Incontri di conoscenza con esperti su semi, agricoltura e architettura sostenibile.

I) Sezione proposte:

   Terra di resilienza Cooperativa Sociale

   E.colonia, accademia del design rurale

   Rural Hub, innovazione tecnologica per la ruralità

II) Sezione emergenze:

Il caso Formicoso, la lotta contro la discarica ed eolico selvaggio. Interviene Rocco Miele

Progetto Archivio epistolare
Alfonso Nannariello
Toni Ricciardi
Mariangela Capossela (video)

III) Emigrazione “Morire a Matmark” di Toni Ricciardi

Presentazione di “Morire a Mattmark, l’ultima tragedia dell’emigrazione italiana” (Donzelli).

Con l’intervento di Andrea Covotta, caporedattore Tg2.

tardo pomeriggio

Al Formicoso

percorsi del mito e canti di terra sui sentieri dei muli e del grano.

Nel campo non mietuto, i mestieri tradizionali di falciatura, legatura e trebbiatura con Gruppo della pesatura di Teora.

Canti a stisa di mietitura con le donne dell’ Ofanto, coordinate da Enza Pagliara.

Laboratorio di canti rituali, con donne del posto e con cantrici.

 

A sera:

PASSIONE DEL GRANO

Spettacolo Teatrale e canoro con canti di mietitura di Enza Pagliara, Mariagrazia Madruzzato, Sivia Lodi e il coinvolgimento delle cantrici dell’Ofanto.

È fatto giorno.

Il riscatto del Sud contadino nei versi di Stiso e dei poeti meridionalisti.

Con Paolo Speranza, versi letti da Franco Cafazzo, Antonella Coppola, Giovanna Di Paola, Sonia Guerriero, Michele Morano, Pasquale Morano, Antonella Grazia Pasqualicchio, Teresa Stiso, Aldo Vella e interventi musicali di Enza Pagliara, Antonio Pignatiello, Makardìa.

Resistenza E Cupa Cupa

concerto di Antonio Infantino e Tarantati Rotanti.

Mariachi Mezcal in concerto.

a seguire:

IL CINEMA ALL’APERTO

Presentazione e proiezione in anteprima di brani del documentario “Il cammino dell’Appia antica” di Paolo Rumiz e Alessandro Scillitani alla presenza del regista.

a seguire:

LA PASSIONE DEL GRANO nel patrimonio del documentario etnografico. Proiezione di documentari sul tema, a cura e in collaborazione con la Cineteca Lucana.

– Vigilia di mezza estate, regia Gian Vittorio Baldi (1959) – 11min.

– La passione del grano, regia Lino Del Fra (1960) – 11 min.

– L’inceppata, regia Lino Del Fra (1960) – 10 min.

– La terra nuova, regia Francesco De Feo (1952) – 10 min.

 


3ok.jpg

Mercoledì 26 agosto – 81,2% di luna nei cieli di Aquilonia sotto la grande quercia della chiesa di San Vito
SENTIERI IN CIRCOLO: I TURNI DI SANTO VITO, LA DIVINITÀ DEI GRANDI APPETITI, DEL MOTO PERPETUO E DELLA DANZA CIRCOLARE.
Aquilonia, grande Quercia di San Vito

Al mattino:

La carovana dei musicanti, muli e asini si muove da Formicoso diretta alla grande quercia di San Vito;

Per i più piccoli, nel centro di Aquilonia, con Agricola Laboratorio di grano e fantasia, laboratorio di conoscenza e lavorazione di pasta fresca, dolci e panetteria.

A mezzogiorno:
pranzo sotto la quercia

Nel pomeriggio, dopo pranzo:
MUSICA E DANZE CIRCOLARI A SMALTIMENTO, con Mariachi Mezcal, Fanfara Tirana & Robert Bisha, Makardìa.

Enza Pagliara con Mariagrazia Madruzzato e Sivia Lodi in: canti dell’altalena e canti a cerchio.

A sera:
SENTIERI DEL MITO – IL SENTIERO DELLA CUPA

La carovana si incammina da località Pepponi verso il Sentiero della Cupa, il luogo oscuro, del sogno e dell’inconscio, sotto la rupe del castello di Calitri con spaventi e animali immaginari.

Inaugurazione dell’opera vegetale di Dem Demonio, IL CRUCISTRADA DELLA CUPA e altri mammocci.

Incontro narrativo con:

Aniello Russo, l’immaginario popolare degli Irpini.
Vincenzo Vasi, concerto spiritico per teremin e voce.

Nella notte

Arrivo nel centro storico di Calitri – inaugurazione grotte del vino con danze e musica per le vie del borgo – artisti e musicisti locali, Mariachi Mezcal, Banda Città di Calitri.


4ok.jpg

Giovedì 27 agosto – 89,2% di luna nel cielo di Calitri
SENTIERI DELL’ECO: LO SPOSALIZIO DELLE CULTURE
Calitri

Al mattino:
Per i più piccoli, nel centro di Calitri, con Agricola Laboratorio di grano e fantasia – laboratorio di conoscenza e lavorazione di pasta fresca, dolci e panetteria.

A mezzogiorno:
PARTIGIANI A TAVOLA. STORIE DI CIBO RESISTENTE E RICETTE DI LIBERTÀ.

A Borgo Castello: il cibo come esperienza culturale, incontri a tema e presentazione del libro con le autrici Lorena Carrara ed Elisabetta Salvini.

Al pomeriggio:
Laboratorio e preparazione di gamopilafo, burek ed altri piatti nuziali della cultura cretese e albanese, con maestri di cucina dei due paesi.

Nel tardo pomeriggio:
VINOCOLO LETTERARIO,Centro storico di Calitri grotta Valenzio. A cura del Parco Letterario Francesco De Sanctis. Appunti di viaggio, incontro a tema e presentazione del libro con l’autore Generoso Picone: “Matria. Avellino e l’Irpinia un esame di Coscienza”.

Al tramonto:
Per le vie del borgo antico, intorno alla chiesa dell’Immacolata Concezione. SPOSALIZIO DELLE CULTURE, a cura dell’associazione Sponziamoci: banchetti nunziali a cielo aperto con pietanze nuziali di diverse culture. Il gamopilafo cretese, il burek albanese, piatti delle comunità del territorio e piatti tipici calitrani: banchetti aperti ad “accampanti”. È ARRIVATO A PANE DI GRANO, intervento scultoreo di Erica Hansen.

– a Calitri “Sotto la R’Loggia” slargo Berrilli
Incontri musicali: “Canzoni dai Promessi Sposi”
di Gianluca Grossi

Da Mezzo Tramonto a Mezza Sera

“Sposalizio del Culture” Calitri – Torre di Nanno
Rappresentazione teatrale: Tableau de Mariage – Lo SPOSALIZIO ideazione di Salvatore Mazza con
gli alunni dell’IIS “Angelo Maria Maffucci” di Calitri
Performance dinamica di testi, musica e azioni, un viaggio dell’essere umano che vuole vivere lo spazio, i luoghi e la tradizione in modo diverso.
Effettueranno laboratori teatrali dal Mattino al Mezzogiorno e nel Pomeriggio del 27.

Da sera a notte:
Nel piazzale dell’Immacolata Concezione e per le vie del borgo: tavolate, danze e musiche con Fanfara Tirana & Robert Bisha, Mariachi Mezcal, Psarantonis ed ensemble cretese, gruppo calitrano di serenate, fisarmoniche e “Cunversazionevoli”.


5ok.jpg

Venerdì 28 agosto – 95,3% di luna nel cielo di Calitri
LA CASA DELL’ECO – IL RITO DELLO SPOSALIZIO IN CALITRI
Calitri

Dalla mattina:
Alla casa dell’Eco: lezioni di cucina locale con donne e uomini di Calitri. Attività d’incontro e scambio di canti e piatti locali.

Dal pomeriggio:
Seminari per giovani musicisti di musiche popolari e da ballo insegnate dai maestri della Banda della Posta, della Banda Comunale di Calitri e altri ospiti del festival.

Nel tardo pomeriggio:
VINICOLO LETTERARIO – Centro storico “grotta Valenzio.  A cura del Parco Letterario Francesco De Sanctis. “Vino, Eros e Poesia, da Omero ai giorni nostri”, incontro a tema e presentazione del libro con i curatori Paolo Saggese e Alessandro Di Napoli.

Al tramonto
– a Calitri “Sotto la R’Loggia” slargo Berrilli
Incontri musicali: “Canzoni dai Promessi Sposi”
di Gianluca Grossi

Piccoli assaggi de “Il Mondo Magico” – lungometraggio narrativo, ancora in lavorazione,
sulla terra irpina (tradizioni, musiche e rituali) di Raffaele Schettino con la partecipazione eccezionale della Banda della Posta, produzione: Groucho Cinema Srl.

La proiezione avverrà Venerdì 28 Agosto sul palco difronte alla casa dell’ECO, durante il concerto della Banda della Posta.

Alla sera e fino allo sponzamento notturno:

SERATA DA BALLO, LO SPOSALIZIO DELL’ECO
Banchetto nuziale a cielo aperto nel piazzale antistante alla casa dell’ECO (per informazioni e prenotazioni 389/2379170, 389/2337151 o info@sponzfest.it).
Grande serata danzante con
Banda della posta (Calitri) ospite Vinicio Capossela
Los TexManiacs (Texas)
Tonuccio e Pink Folk (Caposele)
Calitri Popolare Mariachi Mezcal (Messico)
King Naat Veliov & The original Kocani Orkestar (Macedonia) e altri ospiti in via di definizione.

Grotte del vino aperte tutta la notte.


6ok.jpg

Sabato 29 agosto – 99,1% di luna nei cieli di Conza della Campania
LE VIE DEL FIUME E DELLA FERROVIA
Conza e stazione di Conza-Andretta-Cairano

Tarda mattinata:
La carovana torna in cammino verso la valle dell’Ofanto, costeggiando la ferrovia e il fiume Ofanto fino alla stazione di Conza-Andretta-Cairano.

Tardo pomeriggio:
Lago artificiale di Conza della Campania (oasi faunistica del WWF):
INCONTRI SULL’ACQUA E SUL TEMA DELLE TRIVELLAZIONI PETROLIFERE

Vincenzo Briuolo e Vincenzo Portoghese, geologi
Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano attivista per i diritti degli ultimi
Marcello Giannotti, esperto aree protette del WWF
Rocco La Fratta (Gal Cilsi), esperto Contratto di fiume dell’alto Ofanto
Tiziana Medici (attivista No Triv), esperta in sviluppo locale e partecipativo

Villa comunale – Conza della Campania
Spettacolo teatrale “Gli Uccelli da Aristofane” di Albali TeAtri, regia Francesco Prudente

Dal tramonto all’alba:
Stazione ferroviaria di Conza-Andretta-Cairano

notte d'argento 70x100_2bNOTTE D’ARGENTO
Sotto il paese dei Coppoloni, in plenilunio, Vinicio Capossela celebra le Nozze d’argento con la musica insieme a:

Psarantonis (Grecia), Los TexManiacs ( Texas), King Neat Veliov & The Real Kocani Orkestar (Macedonia), Howe Gelb ( Arizona) Banda della Posta (Ita), Mariachi Mezcal (Messico/Spagna), sezione giovanile Banda Città di Calitri, Cicc’ Bennet’, Asso Stefana, Zeno De Rossi.

Concerto a pagamento
biglietti 15 euro + dp (in prevendita) ai link:

http://www.mailticket.it/evento/6063

http://www.ticketone.it/biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=tickets&erid=1464740&includeOnlybookable=false&x10=1&x11=caposse

Biglietti venduti allo SponzOffice: € 10

(SponzOffice: P.zza Salvatore Scoca, Calitri. ore 10.00-13.00 16.30-19.30)


7ok.jpg

Domenica 30 agosto – 100% di luna nel cielo di Cairano
LA LUCE DEI SIENSI
Cairano

Primo Pomeriggio:
Ascensione dalla stazione Conza a Cairano e colazione ancestrale.

Pomeriggio:
ALLA RICERCA DEI SIENSI PERDUTI, SOPRA LA RUPE DI CAIRANO, DOVE SI COLTIVANO I SIENSI IN FORMA DI MOSCONI. Sul pianoro delle tombe a fossa della civiltà arcaica di Oliveto Cairano, il dio solare Baal consegna i Siensi in forma di mosconi e lascia il posto alla luna. Incontro con l’archeologo Giampiero Galasso sulle antiche civiltà di Irpinia.

Al calar del sole, al sorgere della luna:
SENNI PERDUTI, SENNI RITROVATI. IL CAMMINO DELL’UOMO CON I SENNI DELLA CONOSCENZA. Incontro con Piergiorgio Odifreddi: astrofisica, fasi lunari, scienza, superstizione.

A luna piena:
VOCI E FANTASMI DA “IL PAESE DEI COPPOLONI” letture e suoni di Vinicio Capossela, con Psarantonis (lira cretese) e Alessandro “Asso” Stefana (chitarra, rumori) “Sulla sommità, dietro al paese, davanti alla trebbiatrice volante, sporta e appesa alla rupe dei siensi, un unione di mitologie, da un olimpo all’altro, l’aedo cretese di Anoghia, il paese alle pendici del monte Ida, che ha dato i natali a Zeus, unisce la sua lira cretese al racconto de “il paese dei coppoloni”, nei luoghi sospesi di un immaginario mitico.”

Infine… Volo della trebbiatrice verso la luna e liberazione dei Siensi.