UN BAGNO IN ALTA IRPINIA. INTERVISTA A MARIANGELA CAPOSSELA
SABATO 26 AGOSTO: LA GRAN PARATA DEL ’17
25 agosto 2017
LO SPONZ FEST 2017 COMPIE IL GRAN ROVESCIAMENTO FINALE
26 agosto 2017
Immagine di Virginia Zanetti, I Pilastri della Terra- The Pillars of the Earth, performance collettiva, 2017

Immagine di Virginia Zanetti, I Pilastri della Terra- The Pillars of the Earth, performance collettiva, 2017

In alta Irpinia il mare non è ancora arrivato ma questi ultimi giorni di agosto potrete passarli ugualmente a mollo. Anzi, a sponzo, come si dice da quelle parti e come lascia intendere lo Sponz Fest, il festival ideato e diretto da Vinicio Capossela e che, arrivato alla quinta edizione, dal 21 al 27 agosto, trasformerà Calitri e gli altri paesi della comunità montana in provincia di Avellino, terra d’origine del cantautore, in uno spazio di condivisione tra esperienze, culture e linguaggi artistici.

«Lo sponzamento è la perdita della rigidità, l’ammorbidirsi nel bagno di sudore liberatorio della festa, del ricreo, del sacro tempo dell’inutile. Le società arcaiche e il mondo contadino conservavano ancora nei geni il bagliore dei grandi riti dissipatori dell’antichità, che rinnovavano la terra scuotendola. Questa ri-creazione non è solo fisica, ma anche ideale», ha spiegato il cantautore.

La rassegna, dedicata al centenario della Rivoluzione Russa, propone un ricchissimo programma, tra escursioni alla scoperta dell’appennino campano, proiezioni di documentari e film, laboratori per i più piccoli, cene al pascolo con cannazze, salsicce, fegatini e viscere alla brace, approfondimenti sull’identità rurale, sulla modernità e sulle storie, vicende anche macabre, à la Twin Peaks, come quella di Leonarda Cianciulli, detta dagli amici La saponificatrice di Correggio. Pezzo forte ovviamente i concerti, dall’alba al tramonto, come le sonorizzazioni di Massimo Zamboni, storica chitarra dei CCCP, gli intermezzi musicali della Fanfara da San Pietroburgo, i madrigali, le ballate, le cacce, i trotti e saltarelli del ‘300 italiano, a cura di Federico Maria Sardelli, fino a “La Gran Parata del ‘17”, con Emir Kusturica & The no smoking orkestra, Dobranotch e, ovviamente, Capossela.

Ma tanto spazio sarà dedicato anche all’arte contemporanea, con SponzArt, sezione che quest’anno sarà curata da Tommaso Evangelista. Tra gli artisti inviati, il Collettivo FX, Andrea d’Amore, Michele Giangrande, Silvio Giordano, Michele Mariano, Virginia Zanetti che interpreteranno la dimensione performativa e relazionale del festival. In programma, tra interventi di street art, installazioni e performance, anche un omaggio a Pippa Bacca, artista tragicamente scomparsa nel 2008, nel corso di una performance in Turchia.

Ne parliamo con Mariangela Capossela, ideatrice di SponzArt.

Continua su www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=54482&IDCategoria=204

Commenta con Facebook
CONDIVIDI