I Luoghi

Calitri, Cairano, Lacedonia, Sant’Angelo dei Lombardi, Senerchia, Villamaina

Come nei momenti di pestilenza, il lazzaretto, il luogo di cura o di detenzione, sarà ubicato fuori dalle mura cittadine e dunque in contrada detta  “Vallone Cupo” sulla collina di Gagliano, sede delle tre serate denominate Sponz Pest.

Le attività festive e salvifiche di Sponz Fest saranno nell’antico centro storico e nelle grotte  del paese capofila Calitri, oltre che negli altri paesi coinvolti (Cairano, Lacedonia, Sant’Angelo dei Lombardi, Senerchia, Villamaina).

La performance collettiva “Trenodia” attraverserà in modo processionale e rituale i comuni che aderiscono al progetto.

Il progetto “Trenodia” è complementare a Sponz Fest e toccherà altre tre regioni. Partirà dalla Calabria: Caulonia, e poi Isola di Capo Rizzuto (Crotone) 18 agosto. Attraverserà i comuni d’alta Irpinia di Sponz Fest e  proseguirà poi in Basilicata a Tricarico (27) per poi terminare a Matera 2019, il 29 agosto.

Info: www.trenodia.it

 

I paesi dello Sponz Fest

 

Sin dalla seconda edizione i luoghi dello Sponz Fest non sono solo quelli di Calitri.
Offriranno splendide cornici per alcuni eventi e performance dello #sponz7 i comuni di Cairano, Lacedonia, Sant’Angelo dei Lombardi, Senerchia e Villamaina.

Cairano

Cairano, si erge sul fianco di un colle che domina la valle dell’Ofanto. Il suo centro storico presenta abbastanza integre le caratteristiche di borgo di impianto medievale, con una forma circolare, quasi simile ad un anfiteatro, mentre è intatto il reticolo viario di un tempo che si dipana capillarmente tra gli edifici storici. Pochi sono i resti dell’antico castello. Ma laddove preservata, l’architettura urbana con influenze rurali è un ottimo esempio dell’architettura tipica dell’Irpinia interna.

Lacedonia

Lacedonia, si erge su una collina al confine con Puglia e Basilicata, e, conserva intatta la sua originaria struttura medievale nonostante i terremoti che più volte hanno colpito l’Irpinia.
Oltre ad un passeggiata per le viuzze del centro meritano una visita il Museo delle origini, presso il Seminario, la Chiesa di San Nicola, la Cattedrale, presso cui è possibile ammirare il Pozzo del Miracolo di San Gerardo a Maiella, e la cappella di San Filippo Neri.

Sant’Angelo dei Lombardi

Il comune di Sant’Angelo dei Lombardi divide la valle dell’Ansato ed è un borgo tipicamente medievale, la sua struttura originaria è, purtroppo, in parte stata distrutta dal terremoto del 1980. Nonostante ciò il centro storico conserva comunque una conformazione interessante e di pregio. Interessante è il castello Longobardo che tra l’altro custodisce dei reperti archeologici bizantini. Sempre nel comune di Sant’Angelo è possibile ammirare un autentico gioiello quale è l’Abbazia di San Guglielmo al Goleto.

Senerchia

Senerchia, all’interno del Parco Regionale dei Monti Picentini, ospita la splendida oasi WWF “Valle della Caccia”. L’area medievale del comune è costituita dai ruderi del castello e dal borgo, ad oggi completamente abbandonato ma oggetto di una serie di importanti intervento di recupero che permetteranno di godere meglio di questo importante patrimonio.

Villamaina

Villamaina, nel cuore della verde Irpinia è situata su un colle che affaccia sulla Valle di Ansanto ed è noto per le sue acque sulfuree. Parte della Mefite, da secoli ritenuta il passaggio dalla terra agli inferi, ricade nel territorio di Villamaina. Nei verdeggianti boschi che circondano il comune di Villamaina è possibile ammirare i resti di alcuni antichi mulini ad acqua.

Condividi