Sottani

Laboratori Adulti. Per i laboratori Bambini consultare la Sezione Laboratori

I sottani nella cultura contadina irpina sono i posti del lavoro, utile a far provviste e ricettacolo per tutto l’anno: si preparano la salsa, le salsicce, le marmellate. Luoghi di risveglio della memoria e della conservazione, chi ha la fortuna di averne uno la condivide con altri.

I laboratori Sottaterra, come i sottani, sono laboratori di gioco, chimica e alchimia: qui si conservano, costruiscono e rigenerano saperi e alleanze. Laboratori Sottaterra è un modo di stare insieme che non ha età: al lavoro, vicini, con l’orecchio alle cose necessarie a provvedere; farsi provvidenzialmente presenti agli altri; scambiare metodi, segreti e far nascere nuove pratiche.

Chi guida sa condividere la sua esperienza in modo che tutti scoprano di poter dare il loro contributo all’opera… e mentre si lavoro si parla, si racconta della vita, del paese, dell’amore e delle tragedie. Chi entra nel sottano apre le porte alla possibilità di scoprire, conoscersi, tessere sulla condivisione una nuova comunità.

Ci sono sottani e laboratori per attivisti grandi e piccini.

Dal 21 al 24 agosto sarà possibile partecipare compilando il form di prenotazione con poche essenziali informazioni. I laboratori ed i sottani hanno un numero massimo di partecipanti, ma non temete, alcuni saranno presenti per più giorni!

Per chi non ha possibilità di accesso ad internet può trovare una scheda d’iscrizione allo SponzOffice.

Consulta la pagina dei Laboratori Sottaterra

SOTTANI

 

E’ obbligatoria la prenotazione entro le ore 18.00 del giorno prima, tramite form online (in questa pagina)  o tramite Sponzoffice.

Per informazioni: laboratori@sponzfest.it

 

Laboratorio di Cingoli

La ricchezza nella semplicità, un laboratorio per avvicinarsi ad un piatto ricco della cucina povera locale. I cingoli erano la cucina delle feste, dei pranzi della domenica. Con la collaborazione di un nutrito gruppo di donne del luogo che continuano con la loro passione a sfamare e tramandare l’arte della pasta fatta a mano.

– 20 agosto

– Età: Grandi accompagnabili da bambini

– Dove: Piazzale della chiesa dell’immacolata

– Ore 11.30-13.00

 

Alla scoperta del Tesoro di San Zaccaria

Una peregrinazione salvifica, alla ricerca di una cura tramandata dagli avi e custodita sottoterra.

Il tempo non è passato lungo i sentieri, si è srotolato in un unico istante togliendo fascino alla fretta  ed al chiasso. Lungo il percorso il tempo è scandito dalle leggende che, insieme agli enigmi, rivelano le paure che ci accomunano, per poi esorcizzarle. Il Tesoro non è alla meta, ma lungo il tragitto: nelle varie soste incontreremo spiriti malefici e streghe che ci accompagneranno a scavare e portar alla luce i luoghi della consapevolezza dell’essere comunità.

La stessa avventura è organizzata con il supporto prezioso e indispensabile della comunità calitrana:  l’associazione Teatranti del Sipario con i suoi attori e costumi, il circolo Aletrium per enigmi e tarocchi, Legambiente per la messa in opera del percorso e  Rosa Cerreta, creativa scrittrice e ricercatrice delle narrazioni, con il supporto registico di Salvatore Mazza del ClanH.

 

EQUIPAGGIAMENTI per l’avventura: portate dell’acqua e un berrettino se lo avete, si tratta di un percorso breve ma di impegno medio, è importante indossare scarpe adeguate, da trekking o comunque con suole antiscivolo, per alcuni punti che richiedono attenzione. Portare pantaloni lunghi e antizanzare. Per allergici alle punture di insetti necessario kit di base.

E’ necessaria la prenotazione online

– Quando: 20 agosto

– Età: Adulti e ragazzi

– Dove: Largo San Bernardino

– Ore 15.30-19.30 

I Burattini Dello Spavento

(laboratorio di costruzione di burattini a guanto attraverso materiali di risulta del territorio)

Il teatro delle guarattelle è fatto di burattini a guanto, personaggi dal sentimento universale che rappresentano i temi essenziali della morte, la natura, la religione e l’umanità, impersonificata da Pulcinella.

Questo teatro esiste dal 1500 e la sua tradizione è ancora tenuta viva da guarattellari e guarattellare che continuano a creare momenti d’incontro offrendo alle persone la possibilità di celebrare la precarietà propria della vita esorcizzandone le paure, soprattutto quella del quotidiano mistero della morte insito negli uomini e nelle donne d’ogni tempo e provenienza.

A introdurre il teatro ci sarà un momento laboratoriale di costruzione dei burattini e della scena da proporre. Attraverso il riuso di stoffe e ceramiche,  destinate ad abbandono e  morte certa,  recuperate da aziende del territorio, sperimenteremo come qualunque cosa possa tornare a vivere in altra insperata forma e a raccontare storie di comune imperfezione e rinascita umana.

Nell’esperienza del riuso delle ceramiche è stata coinvolga l’azienda artigianale di ceramiche La Giara, una realtà che condivide con il laboratorio la logica del riuso e della ricerca della bellezza nell’imperfetta sapienza della mano e dell’ umano

– 21 & 22 agosto

– Età: adulti e bambini dai 6 anni in su

– Dove: Grotta su via Matteotti

– Ore 10.00-13.00 il 21 Agosto

Ore 15.00 il 22 Agosto

Numero partecipanti: 12

 

Per saperne di più sulla maestra d’arte :

FBOOK: https://www.facebook.com/OliviaSpaghetti

INSTAGRAM: LISA BEN CI VENNI

Illumin-arsi

Il laboratorio dell’associazione comitato centro storico Calitri  propone di scoprire e riscoprire insieme un luogo, un vicolo, un angolo del centro storico che pulsava di vita, di attività, di voci, di storie. Sedersi intorno ad un tavolo con dei testimoni che vivono e hanno vissuto in epoche diverse quello stesso luogo. Domandare, ascoltare, chiacchierare e dirsi racconti. Tornare per riaccendere una luce e illuminarsi di questi momenti per condividere e ritrovarsi in quel senso che fa di un luogo una comunità, una vicinanza inaspettata. Illumineremo i luoghi anche materialmente, con la fiamma fioca di una candela che, accanto alle altre candele, può farsi potente, come un ricordo, un pensiero a cui si appartiene.

– 23 agosto

– Età: adulti e bambini dai 6 anni in su

– Dove: Appuntamento Grotte su via Matteotti

– Per arrivare insieme in Via buccolo (Croc’ r’Plcin)

– Ore 15.30/18.00

 

Per saperne di più sul Comitato :

FB  COMITATO CENTRO STORICO CALITRI   https://www.facebook.com/comitatocscalitri/

INSTANGRAM  COMITATOCSCALITRI 

Laboratorio di intreccio e paglia

In un’antica bottega all’interno del centro storico l’associazione ProLoco “La Fonte” di Fontanarosa propone un laboratorio di lavorazione della paglia. Uno spazio di manualità e condivisione in cui si potrà scoprire qualcosa su una pratica votiva che trova radici nei culti della fertilità e del grano rivolti alla dea Cerere e che è diventata nei secoli una vera arte scultorea. L’arte di intrecciare la paglia inumidita per ottenere: trecce, bastoni, lacci, tele etc. che, cuciti insieme, formano capitelli, guglie, fregi, manti e colonne di cui si vede traccia anche nel carro di Fontanarosa la cui tradizione risale al XVIII secolo.

A  cura della PROLOCO LA FONTE, Fontanarosa

– 21-22-23-24

– Età: adulti

– Dove:  Via Cardinale Alfonso Gesualdo

– Ore 15.00/18.00

per saperne di più:

Fb Proloco La Fonte  https://www.facebook.com/prolocolafontefontanarosa/

 

Laboratorio di lavorazione della Creta

Un gruppo di artigiani locali propongono un laboratorio  di ceramica con lo scopo di insegnare, far conoscere e tramandare questa antica arte così importante per il paese da rendere Calitri città della ceramica. Dopo aver erudito i partecipanti con brevi cenni storici verranno approfondite alcune tecniche quali il lucignolo: tecnica molto antica e versatile in quanto permette di costruire forme di qualsiasi dimensione attraverso la sovrapposizione di colombini di argilla; gli stampini in gesso adatta soprattutto per i bambini; tecnica a lastra in cui attraverso la lastra di argilla si modellano varie forme ed in fine la tecnica del tornio.

I corsi hanno un costo di 5 euro a persona .

– 21 Agosto: tecnica del lucignolo e tecnica degli stampi

22 Agosto: tecnica a lastra

23 Agosto: tecnica del tornio

– Età: adulti

– Dove: Arco degli Zingari

– Ore 10.00/12.00

I corsi sono a cura di

Angela Cialeo fb https://www.facebook.com/angela.cialeo

Concetta Di Cecca fb https://www.facebook.com/concetta.dicecca

Rosa Cestone fb https://www.facebook.com/rosa.cestone.7

Francesca Armiento https://www.facebook.com/profile.php?id=100000733684134

Vito Zabatta  & Vincenzo Quaranta

 

“Partire o Restare? Non c’è tempo per dire proviamo…”

Laboratorio di Teatro dell’oppresso

Cosa ti ha spinto a partire? Cosa ti ha spinto a tornare? Cosa ti spinge a restare ?

Il laboratorio è rivolto a tutte le persone che almeno una volta si sono sentite dire una di  queste domande, a chi è partito, a chi no.

L’obiettivo del lavoro insieme su tre giorni è di costruire un gruppo e una rappresentazione scenica che dia risalto al concetto di Restanza, a come viene vissuto dai giovani del Sud e su come viene percepito da chi non lo vive direttamente sulla sua pelle.

Il Teatro dell’Oppresso è un metodo teatrale, un sistema di giochi, esercizi e tecniche costruito  con l’obiettivo di riflettere sui conflitti presenti nella vita quotidiana e trovare delle soluzione collettive per risolverli.

Condotto da Francesca Santangelo, esperta in tecniche di Teatro dell’Oppresso e Teatro Sociale e Laura Remaschi, esperta in teorie e tecniche di conduzione di gruppo e storitelling creativo.

 

– 21-22-23 agosto preparazione scenica

– 24 proposta della scena in pubblico ore 15.30

– Età: ragazzi e adulti

– Dove: sala pro-loco Calitri, via campo sportivo n. 32

– Ore 15.00/18.00

Numero partecipanti: minimo 7 max 12

Per saperne di più sul TdO:  https://it.wikipedia.org/wiki/Teatro_dell%27oppresso

Modulo Prenotazione


 

* Tutti i campi sono obbligatori
 


 

Condividi